sab

21

mag

2016

BECAUSE ICE CREAM IS COOL IN EVERY SEASON

PERCHÉ IL GELATO È COOL IN TUTTE LE STAGIONI

ice cream love

Nice season is coming and Ice cream parlors till now almost empty or visited only by those who think that ice cream is always and however, are going to be filled by customers as the tree is filling with flowers and leaves.

But ice cream is not connected to nice season only.

Walking in pastime we find out that the first ones to taste an ice cream (even if not as like the one we use to eat now!) were Neanderthalians who used to put in the snow not only meat needful for their survival but even fruit and berries.

But Arabs were those who invented an ancestor of our ice cream: thanks to sugar cane one of the main ingredients they used to prepare some infusions with milk, herbs and spices. The sorbet is invented which as yogurt is a noun with a typical Arab root.

Con l’avvento della bella stagione le gelaterie finora quasi deserte o visitate solo dai fautori del gelato sempre e comunque, tornano a riempirsi di avventori, così come l’albero si riempie di foglie e di fiori.

Ma il gelato non è declinato solo alla bella stagione.

Andando a spasso nel tempo scopriamo che i primi a degustare un gelato (anche se non proprio come lo conosciamo ora) furono i Neanderthaliani che erano soliti conservare nella neve oltre che carne necessaria alla loro sopravvivenza anche bacche e frutta.

Ma furono gli Arabi a inventare un antenato del nostro gelato: grazie alla canna da zucchero come ingrediente base essi erano soliti preparare degli infusi con latte, erbe e spezie: nasce il sorbetto che, come lo yogurt, è un termine con radice prettamente araba.


leggi di più

ven

13

mag

2016

BECAUSE NAIL ART IS A LANGUAGE OF FREEDOM

PERCHÈ LA NAIL ART È UN LINGUAGGIO DI LIBERTÀ

ПОЧЕМУ НЕИЛ АРТ ЯЗЫК СВОБОДЫ

henne

Nail art, i.e., the art of decorating fingernails and/or toenails is not a recent trend. If we were to investigate its origins, we should go as far back as the Bronze Age when our ancestors used the juice of the henna plant to decorate their nails for ritual purposes.  Such custom survived until around 1920 when the manicure treatment as we know it today was first introduced;  it was in the 1930s that Revlon produced its first nail polish.  From then onwards, millions of women have got the passion for nail decoration, setting a new trend and widening the range of services in the field of body care and beauty.  

Nowadays, social media are full of pictures and videos which explain how to decorate nails and we have met a professional in the field of hand cosmetic treatment in order to get to know more about nail art. Giorgia Adriani is the owner of Femme, the beauty salon which is the reference point in Rome for nail art lovers. Talking with her, we have discovered that it is important to take care of one’s hands and nails before choosing colors and decorations. In other words, nail polish is useless unless you have had a perfect manicure treatment.

L’arte di decorare le unghie, quella che oggi viene chiamata nail art, non è una moda recente. Se volessimo ricercarne le origini, dovremmo tornare indietro fino all’età del Bronzo, quando i nostri antenati utilizzavano in modo rituale la tintura di henné per decorare le unghie. Tale uso è sopravvissuto nel tempo fino a quando, intorno al 1920, nacque l’odierna manicure e, a seguire negli anni ’30, i primi smalti targati Revlon. Da quel momento, la passione per la decorazione delle unghie ha conquistato milioni di donne, dettando tendenza e arricchendo l’ampia gamma di servizi che popolano il mondo della bellezza e della cura del corpo. 

Oggi i social sono letteralmente invasi da foto e video che spiegano come decorare le unghie e noi ci siamo rivolti a chi professionalmente cura l’estetica delle mani per saperne di più. Abbiamo incontrato Giorgia Adriani, titolare di Femme, il salone di bellezza punto di riferimento a Roma per le appassionate di nail art e non solo, e abbiamo scoperto che prima di lasciarsi andare alla scelta di colori e decorazioni, è importante prendersi cura delle unghie nel modo giusto. In altre parole, senza una perfetta manicure di base non c’è smalto che tenga.


leggi di più

gio

05

mag

2016

BECAUSE IF MY FATHER PAINTS, I WRITE (IT)

PERCHÉ SE MIO PADRE DIPINGE, IO (LO) SCRIVO

Paolo Lunanova 1
Diario Cromatico

Artists narrate tales and portions of time with fixed pictures and supports on which they impress their longstanding relationship with colors, scratches and related techniques.

All of this fits in the Diario cromatico, the most recent solo exhibition by Paolo Lunanova, a renowned artist (since the 70s) who comes from the famous art gallery of Marilena Bonomo, one of the major art ladies from Bari.

From the figurative origins to the geometrical haven, the most typical traits of Lunanova are the steady dialogue with color and the approach to the canvas as an unconditional space where the represented object feeds itself with color and escapes from any boundary to totally shine: the artist is constantly searching for new colour effects that both return the extremely rationalized artwork and impose itself in his own identity by an impassive painting.

leggi di più

gio

28

apr

2016

BECAUSE GOLLY HAS GOT THE SIXTH SENSE FOR COLORS

PERCHÉ IL SESTO SENSO È QUELLO DI GOLLY PER I COLORI

ПOЧЕМУ ШЕСТОЙ ОРГАН ЧУВСТВ ГОЛЛЫ ДЛЯ ЦВЕТОВ

Golly

Liquid as the shiny colors on the palette and precious as the materials on which fantasy tries to define lines and shapes to gracefully dress a woman who looks for a distinctive trait of her style (coming from her time, choices, looks and smiles) in a detail, creations and foulards made in Italy of Golly are something deep, rich of art and passion that result in stylish items.

The capability of impressionists of dealing with light results in silk, satin and chiffon of vestment and scarf, where the freshness and the fragrance of colorful, bright and shimmering flowers are impressed in order to wrap the body and enhance it. Tissue curves give importance now to the drawings, always different, now to the wise choice of colors: every piece is unique and unrepeatable, as only a work of art knows how to be destined to make someone fall in love.

Liquidi, come colori ancora lucidi di impasto sulla tavolozza, preziosi, come i materiali su cui la fantasia si fa linee e forme per vestire di eleganza la donna che cerca in un dettaglio il tratto distintivo del proprio stile costruito dal tempo, dalle scelte, dagli sguardi, dai sorrisi: le creazioni, i foulard made in Italy di Golly sono materia viva, sono arte e passione, sono stile.

L’arte degli impressionisti di dialogare con la luce si poggia sulla seta, sul satin e lo chiffon delle stole e delle sciarpe per imprimervi la freschezza e il profumo di fiori variopinti, vividi e cangianti nel loro delicatissimo compito di avvolgere il corpo e di esaltarlo. Le curve del tessuto risaltano ora i disegni, sempre diversi, ora la sapiente scelta dei colori e maestria nell’imprimerli: ogni pezzo è unico e irripetibile, come sa esserlo solo un’opera d’arte destinata a far innamorare.


leggi di più

gio

21

apr

2016

BECAUSE SHAKESPEARE LIVES BETWEEN THEATRE AND CINEMA

 PERCHÉ SHAKESPEARE VIVE TRA TEATRO E CINEMA

Othello

400 years after his death, William Shakespeare still lives in the history of the theater, and not only there. The name of this great English playwright and poet had, and still has, a huge resonance also in the movie world.

Shakespeare is the author most represented both on TV and cinema; many of his plays have in fact been re-written and adapted for the big screen. The good fortune of Shakespeare’s cinematography starts with silent movies, demonstrating that his works are filled with all the ingredients needed to create a great script: intrigue, power, fiction, ambition, love. In 1914 Enrico Guazzoni directed the movie “Julius Caesar”, from homonymous Shakespearean tragedy, while in the 1952 Orson Welles played and directed with mastery “The Tragedy of Othello: The Moor of Venice”, based on the drama, which will then be awarded best film at the 5th Festival of Cannes.

The British Film Institute, which in London organizes the “Shakespeare On Film festival”, points out the importance that Shakespeare has always had for the theater and film directors of all times. Perhaps because, as noted in a recent interview with the British actor Ian McKellen (Gandalf in “The Lord of the Rings”), “The beauty of Shakespeare is that he was so perceptive about human nature. He was so interested in the whole range of people from the top of society to the bottom and everything in between. He was so accurate in understanding our emotions ... and our motives for doing things, that he goes on being relevant”.

Shakespeare

A 400 anni dalla sua morte, William Shakespeare vive ancora nella storia del teatro e non solo. Il nome di questo grande drammaturgo e poeta inglese ha avuto, e ha tuttora, un’enorme risonanza anche nel mondo cinematografico. Shakespeare è l’autore più rappresentato sia in tv che al cinema, molte delle sue opere infatti sono state riscritte e riadattate per il grande schermo. La fortuna cinematografica di Shakespeare inzia con il cinema muto, a dimostrazione del fatto che le sue opere sono piene di tutti gli ingredienti indispensabili per dare vita a una grande sceneggiatura: intrigo, potere, finzione, ambizione, amore. Nel 1914 Enrico Guazzoni dirige il film “Caio Giulio Cesare” tratto dell’omonima tragedia shakesperiana, mentre nel 1952 Orson Welles interpreta e dirige con grande maestria “The Tragedy of Othello: The Moor of Venice”, tratto dall’ omonimo dramma, che verrà poi premiato come miglior film al V Festival di Cannes.

Il British Film Institute, che a Londra organizza il festival “Shakespeare On Film”, evidenzia l’importanza che Shakespeare ha sempre avuto per i registi teatrali e cinematografici di tutti i tempi. Forse perché, come ricorda in una recente intervista l’attore britannico Ian McKellen (il Gandalf de “Il Signore degli anelli”), “la bellezza di Shakespeare stava nella sua capacità di capire la natura umana. Era così interessato a tutta la varietà delle persone di tutte le possibili estrazioni, dall’alta società al popolino, ed era così preciso nel capire le nostre emozioni e i sentimenti, le motivazioni nel fare le cose, che continua ad essere rilevante”.

 

© Monica Cocciardo per Because The Style

 

Sharing is caring!

leggi di più

 

Because The Style, prima di pubblicare foto o video da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi, specificando le fonti da cui ha tratto tale materiale. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a becausethestyle@libero.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo dei diritti di terzi.

Le fotografie presenti nel sito, nel rispetto del diritto d'autore, vengono riprodotte per finalità di critica e discussione ai sensi degli artt. 65 comma 2, 70 comma 1 bis e 101 comma 1 Legge 633/1941.

Gli autori non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.