BECAUSE ICE CREAM IS COOL IN EVERY SEASON

PERCHÉ IL GELATO È COOL IN TUTTE LE STAGIONI

ice cream love

Nice season is coming and Ice cream parlors till now almost empty or visited only by those who think that ice cream is always and however, are going to be filled by customers as the tree is filling with flowers and leaves.

But ice cream is not connected to nice season only.

Walking in pastime we find out that the first ones to taste an ice cream (even if not as like the one we use to eat now!) were Neanderthalians who used to put in the snow not only meat needful for their survival but even fruit and berries.

But Arabs were those who invented an ancestor of our ice cream: thanks to sugar cane one of the main ingredients they used to prepare some infusions with milk, herbs and spices. The sorbet is invented which as yogurt is a noun with a typical Arab root.

Con l’avvento della bella stagione le gelaterie finora quasi deserte o visitate solo dai fautori del gelato sempre e comunque, tornano a riempirsi di avventori, così come l’albero si riempie di foglie e di fiori.

Ma il gelato non è declinato solo alla bella stagione.

Andando a spasso nel tempo scopriamo che i primi a degustare un gelato (anche se non proprio come lo conosciamo ora) furono i Neanderthaliani che erano soliti conservare nella neve oltre che carne necessaria alla loro sopravvivenza anche bacche e frutta.

Ma furono gli Arabi a inventare un antenato del nostro gelato: grazie alla canna da zucchero come ingrediente base essi erano soliti preparare degli infusi con latte, erbe e spezie: nasce il sorbetto che, come lo yogurt, è un termine con radice prettamente araba.


nature ice cream

Arabs exported sorbet in Sicily during the island domination while in Sardinia “carapigna” is invented with a basis of water, sugar and lemon.

Aristocrats of peninsula since late Middle Ages until Early XVII century used to taste sorbets in every season of the year when the Sicilian Francesco Procopio dei Coltelli creates the formula which at the moment is adopted for ice creams: a mixture of sugar and salt and goes to France where he opens an ice cream factory and the famous cafè Procope.

Italian ice cream grows famous around the world even if from the XX century the tasteful and creamy handmade ice creams are in rivalry with the industrial and multinational ones.

Gli Arabi esportarono il sorbetto in Sicilia durante la dominazione dell’isola, mentre in Sardegna nacque la carapigna a base di acqua, zucchero e limone.

I nobili della penisola ormai dal tardo Medioevo al Seicento erano soliti degustare sorbetti in tutte le stagioni dell'anno quando un siciliano Francesco Procopio dei Coltelli inventa la formula che attualmente è ancora in uso a base di zucchero e sale e va in Francia aprendo una vera e propria industria dei gelati, nonché il celebre Cafè Procope.

Il gelato italiano diventa celebre in tutto il mondo, anche se a partire dal Novecento i gustosi e cremosi gelati artigianali rivaleggiano con quelli industriali e multinazionali.


ice cream man

By the way eating an ice cream is involving (let’s think about all the advertisement campaign of a famous society which produced the “heart cream” ice cream) but even relaxing and nutritious.

Russians love ending their meals with a good ice cream and no matter if outside the temperature is of 20 degrees (but below zero!).

Let’s stop to say that ice creams are fit only with nice seasons and let’s taste them always and why not even reading this piece.

Eppure mangiare un gelato è intrigante (pensiamo alle tante campagne pubblicitarie di una nota casa produttrice di un gelato “cuore di panna”), ma anche rilassante e nutriente.

I russi amano terminare spesso i loro pasti con un buon gelato e poco importa se fuori la temperatura è di venti gradi (sottozero però!).

Smettiamo quindi di dire che la bella stagione è tempo di gelati e degustiamocelo sempre, magari  anche ora, leggendo questo articolo!


 

 

© Francesca Barile per Because The Style

 

 

Sharing is caring!