BECAUSE FOR CHRISTMAS YOU EXCHANGE GIFTS

PERCHÉ CI SI SCAMBIA REGALI A NATALE

Regalo Natale Christmas gift

Attese, amate, sopportate, odiate, le feste di fine anno suscitano da sempre sentimenti vari e contrastanti.

Una ragione è determinata sicuramente dall'abitudine di scambiare regali con amici e parenti.

Ma perché a Natale e dintorni si è soliti scambiare doni? La tradizione non è cristiana ma addirittura  discende dai Romani che a fine anno, in concomitanza

con la festa del "Sole invitto", celebrata il 25 dicembre, usavano scambiarsi le cosiddette "strenne".

Intorno al Quattrocento si diffuse in Europa il culto di san Nicola, il vescovo di Mira associato ai doni e ai bambini, ma successivamente nei paesi del Nord, con la riforma luterana, il culto dei santi fu vietato, anche se la tradizione del Santo portatore di doni non si spense.

Wished, loved, endured, hated, End year celebrations since always create different and contrasting feelings. A reason is undoubtless determined by the habit to exchange gifts with friends and relatives. But why are we used to give gifts for Christmas and hereabout? The tradition isn't Christian but even comes from Romans who in the last days of the year in conjunction with the celebration of “Sol invictus” (Undefeated sun) on 25 December used to exchange the so called “strenae”.

In around XV century the cult of st Nicholas is diffused, the bishop of Myra associated to gifts and children but later in Northern countries with luteran reform the cult of saints is forbidden even if the tradition of the saint gifts

giver doesn't end.


Babbo Natale Santa Claus

Nei paesi di lingua tedesca continuò a tollerarsi la figura del portatore di doni "Christkindl" cioè Gesù Bambino e si spostò dal 6 dicembre (giorno dedicato a san Nicola) al 25 la data per lo scambio dei regali.

In seguito nell'Ottocento, secolo che subì l'influsso del ginevrino Rousseau, si iniziò a vedere i bambini come creature da proteggere e così la tradizione dello scambio dei doni si impose in particolare proprio verso i più piccoli e apparve per la prima volta l'iconografia di Babbo Natale prima rappresentato smunto e mal vestito, poi grasso e sorridente.

L'epoca contemporanea, all'insegna del consumo sfrenato, sfrutta senza dubbio il gentile scambio doni per fini economici ma in fondo, senza esagerare e senza farsi sopraffare, è bello essere bambini per un

giorno.

In German Language countries though as gift giver is admitted "Christkindl" that is Baby Jesus shifting to 25 December the date for gifts exchange. With a  remarkable temporale jump in the XIX century only a period which, thanks to the influence of the philosopher from Geneve Rousseau, starts seeing children as beings to protect, the tradition of gifts exchange is imposed mainly towards the littlest ones. Santa Claus iconography firstly appears, at first badly dressed and pinched later fat and smiling. Later, in the XIX century only a period which starts seeing children as beings to protect the tradition of gifts exchange Santa Claus firstly appears, at first badly dressed and pinched later fat and smiling.

Contemporary days marked by wild consumption maybe exploit the kind gift exchange for economic purposes only, but by the way without exageration or without being overwhelmed, for one day is beautiful to be a child.


© Francesca Barile per Because The Style

 

Sharing is caring!